Pubblicato il

La manutenzione e ispezione degli equipaggiamenti ANTICADUTA

Tipologie di ispezioni

Entrando nel merito delle diverse tipologie di ispezioni previste, si riporta un dettaglio del tipo di attività da compiere sui diversi componenti dell’equipaggiamento, le loro tempistiche e il soggetto preposto a compierle.

ISPEZIONI DEL LAVORATORE – “UTILIZZATORE” PRIMA E DOPO L’USO

Prima e dopo l’utilizzo, l’utilizzatore deve ispezionare (in accordo con le istruzioni del fabbricante) mediante controllo visivo TUTTO l’equipaggiamento (imbracatura, cordino, fune di trattenuta, assorbitore di energia , i connettori etc).
Se possibile, dovrebbe ispezionare anche la parte interna degli equipaggiamenti (la linea guida riporta “dove ne è possibile l’accesso”).
Nel caso in cui ne riscontri la presenza, il lavoratore deve segnalare immediatamente qualsiasi difetto o inconveniente.

ISPEZIONI PERIODICA

In aggiunta a quella effettuata dal lavoratore prima e dopo l’uso, deve essere prevista una ispezione periodica da parte di “persona competente”, con la periodicità e secondo le istruzioni del fabbricante. Ovviamente ad esito negativo dell’ispezione, la persona  (competente, appunto, a valutare e riparare) dovrà decidere se procedere con l’invio al fabbricante o il ritiro dal servizio.
A questo tipo di ispezione devono essere sottoposti:

  • Dispositivi di Arresto Caduta (solo controllo esterno)

Clicca per vedere la  check list dei controlli da effettuare sui dispositivi di arresto caduta

  • Imbracatura, Cordini, Assorbitori di Energia (e i cordini integrati con gli assorbitori) e gli equipaggiamenti associati

Questo tipo di ispezione coinvolge tutta l’apparecchiatura (come definito nella check list ispezione di tutta l’apparecchiatura ed equipaggiamenti associati).

ISPEZIONI PERIODICA ANNUALE EFFETTUATA DA PERSONA COMPETENTE

E’ uno dei requisiti fondamentali che distingue questa tipologia di DPI dalla maggior parte degli altri normalmente adottati nelle Azienda.
Occorre dare evidenza di questa ispezioni registrando la data e l’esito sulla “scheda di ispezione e manutenzione”.

  • Ancoraggi Permanenti

Gli ancoraggi permanenti devono essere ispezionati da persona competente nei tempi e modi definiti dal produttore, e comunque almeno una volta all’anno.
Nelle vicinanze del punto di ancoraggio, è consigliata l’apposizione anche di un cartellino con la data dell’ultima ispezione: si rende così ridondante il controllo mettendo in condizione di verificare il requisito della periodicità anche al lavoratore nel corso dell’ispezione prima dell’uso.

  • Dispositivi di Arresto Caduta (Revisione Completa)

E’ una ispezione analoga a quella vista nel punto 2.a, ma spinta in profondità: implica, infatti, anche lo smontaggio (effettuato da personale competente) secondo quanto previsto dal libretto di istruzioni fornito dal fabbricante del dispositivo.

E’ una verifica sempre prevista nel caso in cui il dispositivo sia entrato in funzione per arrestare un caduta.

Nello specifico, occorre prevedere tutti i controlli riportati nella check list ispezione periodica (vista in precedenza al punto “Ispezione Periodica”), integrandoli con

  1. pulizia accurata delle parti eventualmente sporche, incrostate o eventualmente corrose
  2. verifica anche la corretta e agevole movimento delle parte mobili
  3. controllo che le connessioni siano intatte e propriamente strette
  4. prova dell’eccessiva rigidezza delle linee flessibili
  • Linee di Ancoraggio, flessibili e rigide (inclusi i componenti integrati e i dispositivi mobili di attacco)

E’ una fattispecie di iespzione da effettuare almeno una volta l’anno sui dispositivi in esercizio e prima dell’utilizzo nel caso in cui non siano stati impiegati per lunghi periodi di tempo.

Devono essere previste almeno le seguenti attività:

  • Ispezione dei punti di ancoraggio
  • verifica del tensionamento delle linee e il controllo degli eventuali assorbitori di energia previsti
  • controllo dell’integrità dei punti terminali delle linee
  • controllo delle guide rigide e dei terminali (presenza di deformazioni permanenti, corrosione, fissaggio degli elementi terminali)
  • controllo dei dispositivi mobili installati permanentemente sulla linea di ancoraggio
  • manutenzione dei dispositivi meccanici

ISPEZIONE DI ENTRATA O RIMESSA IN SERVIZIO

Oltre alle ispezioni viste in precedenza, e necessario eseguire i controlli

  • Alla ricezione di un nuovo equipaggiamento
  • Prima dell’uso al ritorno da una riparazione
  • Prima della rimessa in servizio dopo il deposito o per prolungato periodo o in condizioni potenzialmente pregiudizievoli dello stato di conservazione
  • Nelle installazioni fisse, nel caso in cui una linea flessibile di ancoraggio non sia stata utilizzata per un lungo periodo di tempo

ISPEZIONE DOPO UN ARRESTO DI CADUTA E PRIMA DI UN ULTERIORE USO

Nei casi in cui

  • Un dispositivo o un equipaggiamento sia entrato in funzione per arrestare una caduta
  • Presenti un difetto

deve essere immediatamente ritirato dal servizio e, al fine di evitarne l’erroneo utilizzo, sullo stesso deve essere apposto permanentemente un cartellino che indichi lo stato di “fuori servizio”.

Successivamente l’equipaggiamento deve essere controllato da personale competente che, secondo le istruzioni fornite dal costruttore, deciderà se

  • Rimetterlo in funzione
  • Ripararlo (inviandolo al fabbricante o a persona competente autorizzata dal costruttore)
  • Distruggerlo
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quindici − otto =