Pubblicato il

La manutenzione e ispezione degli equipaggiamenti ANTICADUTA

La manutenzione

Vediamo nello specifico cosa le norme (la già citata UNI EN 365 e le linee guida ISPESL) predicano per le diverse operazioni richieste.
Nella norma UNI sono indicati i principi generali da adottare nella redazione della “nota informativa del fabbricante” per questa operazione.
Sono identificate 4 fattispecie di operazione:

  • PULIZIA E DISINFEZIONE
  • ASCIUGATURA
  • IMMAGAZZINAMENTO
  • ALTRI PROCEDIMENTI (ad esempio, la lubrificazione).

L'attività di MANUTENZIONE secondo la UNI EN 365:2005
Istruzioni per la manutenzione
4.3.1 Le istruzioni per la manutenzione devono essere chiare, leggibili e inequivocabili e devono contenere i dettagli appropriati, corredati da schemi se necessario, per consentire la manutenzione corretta e sicura dei DPI o di altro equipaggiamento.
4.3.2 Le istruzioni per la manutenzione devono comprendere:
a) procedimenti di pulizia, inclusa la disinfezione dove applicabile senza causare effetti dannosi sui materiali utilizzati nella fabbricazione dell’equipaggiamento o sull’utilizzatore e un’avvertenza che è necessario seguire strettamente il procedimento; b) dove applicabile, un’avvertenza che quando l’equipaggiamento si bagna, o per l’uso o a causa della pulizia, deve essere lasciato asciugare naturalmente e tenuto lontano dal calore diretto;
c) le procedure di immagazzinamento, inclusi tutti i requisiti preventivi necessari in cui l’ambiente o altri fattori potrebbero compromettere la condizione dei componenti, per esempio ambiente umido, bordi affilati, vibrazione, degradazione ultravioletta;
d) altri procedimenti di manutenzione pertinenti all’equipaggiamento, per esempio lubrificazione.

Le linee guida ISPESL, distinguono le operazioni di manutenzione da effettuare in  base alla tipologia del dispositivo e dell’equipaggiamento sono da prevedere:

KIT PONTEGGI TITAN

  1. DISPOSITIVI MECCANICI: la manutenzione deve essere effettuata in accordo con le istruzioni del fabbricante; in ogni caso deve essere sempre rimossa la sporcizia e, successivamente, devono essere asciugati con aria a temperatura ambiente
  2. MATERIALE TESSILE SINTETICO: deve essere effettuata la normale pulizia con acqua e sapone neutro e, se necessario, una pulizia più accurata (effettuata in base alle istruzioni del fabbricante)
  3. LINEE FLESSIBILI E GUIDE RIGIDE DI ANCORAGGIO PERMANENTE: devono essere sottoposte a manutenzione da personale competente, secondo gli intervalli di tempo e le modalità indicate dal fabbricante. Tale intervallo temporale, comunque, non dovrà essere superiore ad un anno (se sono in servizio) ovvero prima del riutilizzo (se non sono state usate per lunghi periodi di tempo).
    Le linee di ancoraggio difettose o in cattivo stato di conservazione devono essere escluse dal servizio.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

10 + tredici =