Pubblicato il

La manutenzione e ispezione degli equipaggiamenti ANTICADUTA

La nota informativa del fabbricante

Prima di entrare in merito alle attività in questione, ricordiamo che tutti i DPI, ai fini della loro certificazione, devono essere dotati di un “libretto di istruzioni”.
Il documento è chiamato “Nota informativa del fabbricante”, così come definita nell’Allegato II del D. lgs.475/92 ( e s.m.i.) con cui l’Italia ha recepito le Direttive sui criteri di conformità del DPI (tra cui la Marchiatura “CE”).
La nota informativa, preparata e rilasciata obbligatoriamente dal fabbricante per i DPI immessi sul mercato deve contenere, oltre al nome e all’indirizzo del fabbricante o del suo mandatario nella Comunità, ogni informazione utile concernente:

a) le istruzioni di deposito, di impiego, di pulizia, di manutenzione, di revisione e di disinfezione. I prodotti di pulizia, di manutenzione o di disinfezione consigliati dal fabbricante non devono avere nell’ambito delle loro modalità di uso alcun effetto nocivo per i DPI o per l’utilizzatore;IMBRACATURA TITAN A 2 PUNTI + CINTURA
b) le prestazioni ottenute agli esami tecnici effettuati per verificare i livelli o le classi di protezione dei DPI;
c) gli accessori utilizzabili con i DPI e le caratteristiche dei pezzi di ricambio appropriati;
d) le classi di protezione adeguate a diversi livelli a rischio e i corrispondenti limiti di utilizzazione;
e) la data o il termine di scadenza dei DPI o di alcuni dei loro componenti;
f) il tipo di imballaggio appropriato per il trasporto dei DPI;
g) il significato della marcatura, se questa esiste (vedi punto 2.12);
h) se del caso, i referenti delle direttive applicate conformemente all’articolo 12-bis, comma 1;
i) nome, indirizzo, numero di identificazione degli organismi notificati che intervengono nella fase di certificazione dei DPI. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciannove + due =