Pubblicato il

La manutenzione e ispezione degli equipaggiamenti ANTICADUTA

Introduzione

Questo articolo della collana “LE GUIDE SULLA SICUREZZA” si propone di illustrare le operazioni di ispezione, manutenzione e riparazione cui devono essere soggetti i DPI ANTICADUTA (leggi il post-it “Cosa sono i DPI ANTICADUTA” e guarda i nostri prodotti).Eventuali approfondimenti disponibili sono consultabili cliccando sui link attivi.


Gli obblighi di manutenzione e riparazione/sostituzione sono sanciti in capo al datore di lavoro dal

comma 4 dell'art. 77 D.Lgs. 81/08
Il datore di lavoro:
a) mantiene in efficienza i DPI e ne assicura le condizioni d’igiene, mediante la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie e secondo le eventuali indicazioni fornite dal fabbricante;
b) provvede a che i DPI siano utilizzati soltanto per gli usi previsti, salvo casi specifici ed eccezionali, conformemente alle informazioni del fabbricante;
c) fornisce istruzioni comprensibili per i lavoratori;
d) destina ogni DPI ad un uso personale e, qualora le circostanze richiedano l’uso di uno stesso DPI da parte di più persone, prende misure adeguate affinché tale uso non ponga alcun problema sanitario e igienico ai vari utilizzatori;
e) informa preliminarmente il lavoratore dei rischi dai quali il DPI lo protegge;
f) rende disponibile nell’azienda ovvero unità produttiva informazioni adeguate su ogni DPI;
g) stabilisce le procedure aziendali da seguire, al termine dell’utilizzo, per la riconsegna e il deposito dei DPI;
h) assicura una formazione adeguata e organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l’uso corretto e l’utilizzo pratico dei DPI.

Quelli di ispezione “routinaria” sono invece in capo al lavoratore, secondo quanto previsto al

comma 5 dell'art. 79
5. I lavoratori segnalano immediatamente al datore di lavoro o al dirigente o al preposto qualsiasi difetto o inconveniente da essi rilevato nei DPI messi a loro disposizione.

Vi è poi un terzo aspetto, la “ispezione periodica”, di livello superiore a quella effettuata dal lavoratore prima e dopo l’uso del DPI, che deve essere programmata e gestita dal datore di lavoro secondo le istruzioni del fabbricante, che vedremo nel dettaglio più avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 − 1 =