da EN 132 a EN 149

La protezione delle vie respiratorie di SAFEJOE – la categoria ” da EN 132 a EN 149 ” raccoglie i DPI – Dispositivi di Protezione Individuale e gli articoli antinfortunistici progettati e marcati CE per la “protezione delle vie respiratorie”.

In particolare troverai APVR – “apparecchi di protezione delle vie respiratorie”(respiratori, maschere a pieno facciale, semimaschere, filtri, etc.) marcati CE e certificati in base alle norme seguenti.

I contaminanti sono così suddivisi:

  1. polveri: particelle fini generate dalla frantumazione di materiali solidi;
  2. nebbie: minuscole goccioline liquide a base organica o a base acquea che si creano da operazioni di spruzzo;
  3. fumi: particelle solide molto fini, si formano quando si fonde o vaporizza un metallo che si raffredda velocemente;
  4. gas: sostanze in fase aeriforme a pressione e a temperatura ambiente;
  5. vapori: forma gassosa di sostanze che, a temperatura ambiente, si trovano allo stato liquido o solido.

RESPIRATORI SENZA MANUTENZIONE PER POLVERI – DEFINIZIONI TECNICHE

  • Tipo e classe: Un simbolo che indica il tipo di dispositivo ed il livello di protezione offerto, ad esempio FFP2: respiratore per polveri a facciale filtrante di classe 2 dove classe 2 indica il livello di protezione.
  • Livello massimo di utilizzo: Quantità massima di contaminante nell’aria per la quale si può utilizzare il respiratore; il dato è di solito espresso come multiplo della concentrazione accettabile sul luogo di lavoro.
  • TLV (Threshold Limit Value o Valore Limite di Soglia): La concentrazione media ponderata nel tempo (considerando un giorno lavorativo medio di 8 ore e una settimana lavorativa di 40 ore) alla quale si ritiene che quasi tutti i lavoratori possano essere esposti continuativamente giorno dopo giorno, senza effetti nocivi per la salute(per le polveri l’unità di misura utilizzata è il “milligrammo per metro cubo”; per i gas e i vapori la “parte per milione”.

UNI EN 132:2000 (norma europea: EN 132:1998) - clicca per aprire/chiudere

UNI EN 132:2000 – Apparecchi di protezione delle vie respiratorie – Definizioni dei termini e dei pittogrammi

La norma UNI è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 132 (edizione dicembre 1998).

La norma si applica agli apparecchi di protezione delle vie respiratorie, ad eccezione degli apparecchi subacquei, le definizioni dei quali sono contenute nella EN 250.La norma contiene le definizioni dei termini e dei pittogrammi comunemente impiegati in questo campo.

UNI EN 134:2000 (norma europea: EN 134:1998) - clicca per aprire/chiudere

UNI EN 134:2000 – Apparecchi di protezione delle vie respiratorie – Nomenclatura dei componenti

La norma UNI è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 134 (edizione gennaio 1998).

La norma specifica una nomenclatura comune per i componenti tipici degli apparecchi di protezione delle vie respiratorie. Essa non specifica quali e quanti componenti sono utilizzati e dove essi sono localizzati nell’ambito dell’apparecchio.

UNI EN 136:2000 + EN AC:2003 (norma europea: EN 136:1998) - clicca per aprire/chiudere

UNI EN 136:2000 – Apparecchi di protezione delle vie respiratorie – Maschere intere – Requisiti, prove, marcatura

La norma UNI è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 136 (edizione gennaio 1998).

La norma specifica i requisiti minimi per maschere intere per apparecchi di protezione delle vie respiratorie.Le maschere intere per gli apparecchi destinati all’uso subacqueo non sono incluse nello scopo e campo di applicazione della norma.Contiene inoltre le prove pratiche d’impiego e le prove di laboratorio per valutare la conformità ai requisiti.

UNI EN 140:2000 (norma europea: EN 140:1998+AC:1999) - clicca per aprire/chiudere -

UNI EN 140:2000 – Apparecchi di protezione delle vie respiratorie – Semimaschere e quarti di maschera – Requisiti, prove, marcatura

La norma UNI è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 140 (edizione settembre 1998) e tiene conto dell’errata corrige del dicembre 1999 (AC:1999).

La norma specifica i requisiti minimi per le semimaschere e i quarti di maschera destinati a essere usati come parte degli apparecchi di protezione delle vie respiratorie, con l’eccezione degli apparecchi destinati alla fuga o all’uso subacqueo.Sono incluse le prove di laboratorio e le prove pratiche di impiego per la valutazione della conformità ai requisiti.

UNI EN 143:2007 (norma europea: EN 143:2000+A1:2006+AC:2002+AC:2005) - clicca per aprire/chiudere

UNI EN 143:2007 – Apparecchi di protezione delle vie respiratorie – Filtri antipolvere – Requisiti, prove, marcatura

La norma UNI è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 143 (edizione febbraio 2000) e dell aggiornamento A1 (edizione giugno 2006) e tiene conto dell errata corrige del luglio 2002 (AC:2002) e del marzo 2005 (AC:2005).

La norma si riferisce ai filtri antipolvere da utilizzare come componenti in apparecchi di protezione delle vie respiratorie non assistiti, ad eccezione degli apparecchi per la fuga e dei facciali filtranti.Sono incluse prove di laboratorio per la valutazione della conformità ai requisiti.
Sono previste tre diverse classi di protezione ad efficienza filtrante totale crescente (la protezione di quelle con classe superiore include quella prestata dalla/e classi inferiori) :

  1. Filtro di tipo P1: per protezione da aerosol non tossici (polveri) in concentrazioni fino a 4 volte il TLV (Valore Limite di Soglia)
  2. Filtro di tipo P2: per protezione da aerosol a bassa/media tossicità (particelle) in concentrazioni fino a 10 volte il TLV (16 x TLV se montati su pieno facciale)
  3. Filtro di tipo P3: per protezione da aerosol a bassa/media/alta tossicità e aerosol radioattivi (particelle) in concentrazioni fino a 30 volte il TLV (200 x TLV se montati su pieno facciale).

NB: nelle marcature le sigle

  • “NR” indica dispositivi utilizzabili per un solo turno di lavoro (“R”, invece, se sono riutilizzabili)
  • “D” se la semimaschera ha superato il test di intasamento con la polvere di dolomite


UNI EN 149:2009 (norma europea: EN 149:2001+A1:2009) - clicca per aprire/chiudere

UNI EN 149:2009 – Dispositivi di protezione delle vie respiratorie – Semimaschere filtranti antipolvere – Requisiti, prove, marcatura

La norma UNI è la versione ufficiale della norma europea EN 149:2001+A1 (edizione maggio 2009).

La norma specifica i requisiti minimi per le semimaschere filtranti antipolvere utilizzate come dispositivi di protezione delle vie respiratorie ad eccezione di quelle destinate alla fuga.
Sono previste tre diverse classi di protezione ad efficienza filtrante totale crescente:

  1. Classe FFP1: per protezione da aerosol non tossici (polveri) in concentrazioni fino a 4 volte il TLV (Valore Limite di Soglia)
  2. Classe FFP2: per protezione da aerosol a bassa/media tossicità (particelle) in concentrazioni fino a 10 volte il TLV (16 x TLV se montati su pieno facciale)
  3. Classe FFP3: per protezione da aerosol a bassa/media/alta tossicità e aerosol radioattivi (particelle) in concentrazioni fino a 30 volte il TLV (200 x TLV se montati su pieno facciale).

NB: nelle marcature le sigle

  • “NR” indica dispositivi utilizzabili per un solo turno di lavoro (“R”, invece, se sono riutilizzabili
  • “D” se la semimaschera ha superato il test di intasamento con la polvere di dolomite

UNI EN 405:2009 (norma europea: EN 405:2001+A1:2009) - clicca per aprire/chiudere

UNI EN 405:2009 – Dispositivi di protezione delle vie respiratorie – Semimaschere filtranti antigas o antigas e antipolvere dotate di valvole – Requisiti, prove, marcatura

La norma è la versione ufficiale della norma europea EN 405:2001+A1 (edizione maggio 2009).

La norma specifica i requisiti prestazionali, i metodi di prova e i requisiti per la marcatura per semimaschere filtranti con valvole che incorporano filtri antigas o combinati utilizzati come dispositivi di protezione delle vie respiratorie, ad eccezione di quelli destinati alla fuga.


Vuoi saperne di più? Consulta i nostri articoli sull'argomento.
Gli APVR: cosa sono, quando adottarli, come usarli

I DPI PER LA PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE (APVR): cosa sono, quando adottarli e come usarli .

In questo post della serie POST-IT, vogliamo illustrare – in modo semplice e pragmatico- cosa sono i Dispositivi di Protezione Individuale classificati come Apparecchi per la Protezione delle Vie Respiratorie (denominati con l’acronimo “APVR”). Questi apparecchi servono per

0 comments

Forse ti potrebbero interessare i filtri combinati che proponiamo nella categoria EN 14387 (clicca per vedere i prodotti offerti).

HAI ANCORA DEI DUBBI? QUALCOSA NON TI E’ CHIARO? CONTATTACI: siamo a tua disposizione!


Visualizzazione di 1-16 di 27 risultati

Visualizzazione di 1-16 di 27 risultati